Quali sono le porte blindate più sicure?


Quali sono le porte blindate più sicure?

La sicurezza parte dalla solidità costruttiva

Materiali e metodologie di produzione sono fondamentali

La realizzazione di una porta blindata efficace passa prima di tutto dalla sua corretta progettazione. Si tratta di un ausilio ormai irrinunciabile, una sorta di assicurazione di base per l’incolumità di beni e persone.

Rappresenta inoltre il primo deterrente che un eventuale malintenzionato si trova a dover affrontare qualora abbia preso di mira proprio uno specifico appartamento.
I malviventi specializzati nel settore dei furti in abitazione sono tutt’altro che degli sprovveduti, e lo dimostra il fatto che sono davvero pochi gli arresti che vengono operati in flagranza dalle forze dell’ordine. I topi di appartamento rimangono spesso confinati della statistica dei reati compiuti da ignoti. 

È possibile operare una prima distinzione tra due categorie di ladri, ovvero quelli che scelgono di utilizzare la forza bruta per l’apertura di una porta e quelli che hanno la conoscenza tecnica per intervenire sulla serratura ed aprirla, magari senza neanche aver bisogno di forzarla.
Quando si sceglie una porta blindata occorre mettere sullo stesso piatto della bilancia sia la sicurezza della struttura che quella della serratura
La sicurezza totale di una porta blindata è data dalla somma dei dispositivi di sicurezza che la compongono.

Il lavoro del ladro: tempo e rumore

La forzatura bruta di un mezzo forte necessita di tempo e rumore

Molte persone che vengono derubate, sono certe di essere state preventivamente seguite, oppure che il furto sia stato solo l’atto finale di una lunga attività di appostamento fatta dai ladri.
La realtà è molto meno romantica e sofisticata di quanto è possibile pensare. La parola d’ordine in queste occasioni è semplicemente una, ovvero opportunità. Gli specialisti dei furti in abitazione sono sufficientemente esperti da capire la resistenza meccanica della porta che hanno di fronte. La verifica per accertarsi se all’interno della casa è presente o meno qualcuno è altrettanto facile da effettuare. Basta suonare il citofono ed attendere. Qualora non risponda nessuno, il ladro prende in considerazione i due fattori pregnanti, ovvero il tempo che si renderà necessario per aprire la porta, e se i rumori generati dall’utilizzo degli attrezzi del mestiere potranno destare l’attenzione dei vicini.

Nelle abitazioni isolate, per esempio, l’uso della forza bruta è preferito rispetto ad un intervento sulla serratura. Non dovendosi preoccupare del fattore rumore e dell’eventuale vicino insonne, è possibile utilizzare attrezzature che esercitano pressioni eccezionali o strumenti da taglio dotati di dischi diamantati in grandi di fendere praticamente ogni materiale. In questo modo, in pochi minuti, il ladro otterrà lo scopo che si era prefissato, ovvero l’apertura della porta.

In taluni furti che si verificano in ambito condominiale, vengono comunque utilizzati potenti strumenti da effrazione, che sono in genere costituiti da palanchini o piedi di porco. Essendo azionati a forza muscolare non emettono alcun rumore, ma l’uso è riservato a quelle porte che sono particolarmente fragili, non certo alle blindate.

L’avvento della chiave bulgara

Questa chiave ha reso obsolete tutti i cilindri a doppia mappa prima esistenti

I media nazionali hanno dato grande risonanza alla notizia che i ladri di appartamento potevano entrare pressoché ovunque grazie ad uno speciale grimaldello. L’ondata di ansia che questa notizia ha causato nel cittadino medio è stata davvero imponente. Lo strumento di cui parlano i giornali è la cosiddetta chiave bulgara.

A differenza di quanto riportato in svariati e coloriti articoli, non si tratta di una sorta di chiave che funge da passe-partout per tutte le serrature, ma di un congegno meccanico che permette di ricavare la configurazione delle serrature a doppia mappa.

Ma non si tratta di un attrezzo facile da utilizzare per chiunque abbia cattive intenzioni. In effetti necessita di una certa maestria, nonché di una conoscenza che va oltre le cognizioni di un neofita sul funzionamento delle serrature. È tuttavia corretto l’atteggiamento degli addetti ai lavori, che hanno mandato definitivamente in pensione le serrature a doppia mappa, bollandole una volta e per tutte come non sicure.

Ma sono ancora moltissime le porte che utilizzano questa tecnologia ormai superata, e spesso viene trascurato che il costo per l’aggiornamento verso il più moderno e sicuro cilindro europeo ha costi accessibili, che sono sicuramente minori se confrontati con quelli di un furto in abitazione, che lasciano tracce sulle cose e, talvolta, anche sulle persone.

Il cilindro europeo

Scegliere con cura anche questo nuovo tipo di serratura

Una porta blindata con cilindro europeo rappresenta ad oggi uno standard di sicurezza sufficiente a rendere poco appetibile una abitazione ai ladri specializzati nel furto in abitazione. 
Anche in questo caso occorre però fare dei distinguo, specie nella scelta del cilindro e quindi della relativa chiave di apertura.


I produttori di serrature con brevetti depositati, permettono la duplicazione solo in centri specializzati da loro preventivamente autorizzati. Inoltre dotano il cliente di una tessera magnetica che contiene le istruzioni per procedere con il doppione della chiave, senza la quale neanche lo stesso centro è in grado di riprodurla. Inoltre viene talvolta richiesto anche un documento di identità prima di procedere con l’operazione di copia.


Chi propone l’aggiornamento di una serratura doppia mappa verso il più moderno cilindro europeo, dovrebbe indicare con chiarezza nel preventivo quale tipo di serratura verrà montata e non limitarsi alla generica dizione "cilindro europeo". Esistono infatti serrature di questo genere che però hanno chiavi a duplicazione libera, vale a dire che qualsiasi ferramenta è in grado eseguirli.
Una serratura più costosa, in questo caso, è una serratura più sicura

Conclusioni: Qual è la porta blindata più sicura?

La migliore scelta che potete operare in termini di sicurezza di una porta blindata, non è data dal dispositivo più forte, ma di quello più adatto alle vostre esigenze. Inoltre in questo settore è bene lasciare poco spazio al fai da te, e rivolgersi a dei professionisti, rappresentando quali siano le vostre aspettative e facendovi fare degli accurati preventivi, dove vengano specificate in modo chiaro tutte le caratteristiche di sicurezza della porta e della serratura.

Preferite quindi un servizio che vi accompagni per mano verso una porta blindata che vi garantisca al tempo stesso sicurezza e versatilità e che sappia rispondere alle innumerevoli domande che spesso accompagnano un tema tanto delicato quale è quello della sicurezza di una abitazione. 
 

 

 

 

Richiedi informazioni

I marchi che trattiamo

ABLOY
ABUS
Bordogna
Camaleonte
cisa
DiSec
DOM
EVVA
fontana
Iseo
Juwel
Kaba
KESO 4000S Ω
keyless
Keyline
mottura
SECUREMME
Silca
Titan
Yale
Richiedi info