I segnali cui fare attenzione per capire se si è controllati dai ladri

I tentativi di effrazione sono quasi sempre frutto di un periodo di studio ed osservazione: i ladri selezionano le potenziali vittime, studiandone le abitudini e tenendo la casa sotto controllo.

Pedinamenti, fotografie e persino sopralluoghi presso il domicilio da svaligiare sono azioni compiute per massimizzare le possibilità di successo, ma spesso lasciano tracce.

In questo articolo vedremo alcuni segnali che dovrebbero mettere in allarme chiunque dovesse trovarli, perché potrebbero indicare la presenza di topi d’appartamento pronti ad entrare in azione.

I ladri ci controllano? Ecco i segnali

Vediamo alcune situazioni che potrebbero indicare una forma di monitoraggio da parte dei ladri:

Spazzatura aperta – Trovare la spazzatura aperta potrebbe nascondere la presenza dei ladri. Soprattutto per chi usufruisce della raccolta porta a porta il rischio è alto. Nei rifiuti si possono trovare dati sensibili ed è possibile ricostruire le abitudini di una persona. Bisogna prestare molta attenzione quando si getta via la spazzatura, avendo cura di distruggere coordinate bancarie, codici fiscali o documenti personali.

Automobile danneggiata – Una gomma tagliata o il serbatoio danneggiato possono essere azioni criminose volte a ritardare il rientro a casa. Se uscendo dal lavoro si dovesse ritrovare la propria auto in determinate condizioni, bisognerebbe subito contattare un amico o una parente e controllare la situazione presso la propria abitazione.

Problemi elettrici – La luce va via spesso, oppure l’illuminazione esterna presenta alcune lampadine rotte. In questi casi, potrebbe trattarsi dei ladri che giocano con il contatore per vedere le reazioni (i contatori della luce spesso si trovano all’esterno, quindi per riattivarli bisogna uscire di casa), mentre le lampadine danneggiate o svitate servirebbero a creare degli angoli ciechi da cui tentare l’accesso.

Simboli sconosciuti – Se si dovessero trovare simboli sconosciuti e poco chiari sul citofono o sul portone d’ingresso, i responsabili potrebbero essere i ladri. Spesso utilizzano un alfabeto in codice per segnalare le abitazioni più redditizie, le abitudini dei proprietari ed altro ancora. Bisogna prestare molta attenzione e mantenere alto il livello di allerta.

Telefonate strane – Telefonate in diversi orari della giornata, senza nessuno che parli dall’altra parte del ricevitore. Le telefonate mute possono essere un tentativo di determinare orari di entrata ed uscita, per accertarsi della presenza o meno dei proprietari e per delineare in generale le abitudini di una determinata famiglia.

Serrature danneggiate – Nel caso in cui si dovessero trovare serrature rotte, graffiate o danneggiate, bisognerebbe entrare in allarme. I ladri potrebbero aver provato a manomettere la serratura.

Fotografie alle serrature – abbiamo poi trovato questo video virale, in cui le telecamere di un condominio hanno mostrato una persona che faceva fotografie alle serrature, per poterle poi studiare e capire il miglior modo di eluderle.

L’importanza della sicurezza

In un contesto del genere appare evidente la necessità di difendere la propria abitazione ed i propri beni dal rischio intrusione, dotandosi dei mezzi giusti.

Il centro specializzato Sicurchiavi può rappresentare la risposta ideale al bisogno di sicurezza dei suoi clienti, trattando porte blindate, serrature innovative, sistemi d’allarme ed impianti di videosorveglianza.

Da Sicurchiavi si possono trovare gli ultimi ritrovati tecnologici in materia di sicurezza, con dispositivi moderni ed efficaci in grado di contrastare l’attività criminale di ladri e malintenzionati.

Per maggiori informazioni, esiste un apposito form da compilare in cui poter soddisfare la voglia di informazioni: ci sarà un team di professionisti a rispondere, che saprà consigliare il cliente sul sistema più adatto alle proprie esigenze.